Dizionari del cinema
Periodici (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 19 gennaio 2019

Articoli e news Carolina Crescentini

38 anni, 15 Aprile 1980 (Ariete), Roma (Italia)

L'attrice premiata a Taormina come migliore attrice non protagonista.

Carolina Crescentini, nastro d'argento e fulgido avvenire

Carolina Crescentini, nastro d'argento e fulgido avvenire Ha vinto il Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista dell’anno, Carolina Crescentini. E il suo volto – gli occhi azzurri intensi, la bellezza non banale, la carica di seduzione che sprigiona – sono diventati sempre più vicini al pubblico. Un film dopo l’altro, Carolina Crescentini ha bruciato le tappe della popolarità. All’inizio fu Notte prima degli esami, poi Parlami d’amore di Silvio Muccino, poi tutto il resto. Adesso ci sono quattro suoi film che stanno per uscire. “Ma sono ancora un po’ stupita di essere qui, a fare questo mestiere meraviglioso”, dice.

Dopo il successo in TV, esce in sala Boris, la fuoriserie tutta italiana.

Il pesce rosso cambia acqua ma non perde il vizio

Il pesce rosso cambia acqua ma non perde il vizio “Dopo Lo Squalo un altro gigante del cinema”, annuncia la locandina. Chi è? È il pesce rosso più famoso d’Italia e si chiama Boris. Secondo il regista René Ferretti porta fortuna, ed è per questo che lo vuole sempre con sé, a casa e sul set. Dopo aver visto il film possiamo assicurare che è vero. Il balzo di Boris dalla boccia televisiva all’acquario del cinema ne preserva la natura e il colore, per la gioia dei fan della prima ora, ma lo rende anche perfettamente godibile per chi non conosce la serie, evitando di parlare esclusivamente il gergo degli iniziati. Storia tragicomica di un regista a cui viene sistematicamente impedito di fare un lavoro di qualità, Boris parla del nostro cinema e del nostro paese con il sorriso sulle labbra e la morte nel cuore, ma anche un po’ viceversa.
La conferenza stampa romana è stata interrotta e animata ad un certo punto da una manifestazione di precari, che allo slogan di “Il nostro tempo è adesso. La vita non aspetta” hanno annunciato che scenderanno in piazza il prossimo 9 aprile per affermare che la precarietà del lavoro e di vita è cosa insostenibile e che la parte dello stagista schiavo non è una parte che nessuno desideri interpretare a lungo. Gli autori del film, Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, e tutti gli attori presenti hanno subito solidarizzato con i manifestanti.

L'omaggio alle vittime di Nassirya diventa un film.

20 sigarette: un film per responsabilizzare

20 sigarette: un film per responsabilizzare A ureliano Amadei, unico civile sopravvissuto alla strage di Nassirya che costò la vita 19 italiani, ha trasformato il suo libro di memorie in un film, 20 sigarette. Un omaggio alle vittime, tutte chiamate con il nome e il cognome e presentate con grande rispetto e umanità, e un discorso sulla responsabilità. Il film, che parte come una commedia e cambia improvvisamente registro al momento dell'esplosione, è prodotto da Tilde Corsi e Gianni Romoli insieme con Claudio Bonivento e distribuito dall'Istituto Luce (quest'anno a Venezia con ben 8 titoli in catalogo, tra opere prime, seconde e documentari).
Nel film, Vinicio Marchioni interpreta Stefano Rolla, Carolina Crescentini l'amica Claudia e Giorgio Colangeli il regista Aureliano Amadei, una delle vittime.

Arriva a Natale nelle sale Astro Boy.

Arriva al Festival di Roma l'atteso lungometraggio d'animazione americano

lunedì 19 ottobre 2009 - Gabriele Niola da NEWS

Arriva al Festival di Roma l'atteso lungometraggio d'animazione americano Da fumetto giapponese a cartone animato americano la strada è lunga e ancora di più lo è da opera di nicchia anni '50 a blockbuster del 2009. I rischi legati ad Astro Boy sono tantissimi, molti dei quali risiedono anche nel doppiaggio italiano come sa bene chi ha visto straordinari lungometraggi d'animazione massacrati dall'edizione italiana.
A prestare le loro voci in questo caso ci sono (tra i noti) Silvio Muccino, Carolina Crescentini e il Trio Medusa. Non tutti loro sono o sono stati appassionati di animazione giapponese ma sentono comunque la gravità del peso di portare oggi e in Italia un classico che conta moltissimi appassionati. Gravità che li ha portati in molti casi ad un lavoro molto particolare sulla voce che tenga conto del fatto che non si tratta solo di un cartone per bambini ma di una vera opera per tutti.

Massimo Venier traduce per il cinema un libro-fenomeno allestendo una commedia articolata e godibile.

Generazione mille euro: la realtà sfaccettata e colorata dei "milleuristi"

Generazione mille euro: la realtà sfaccettata e colorata dei Dopo Santa Maradona e Tutta la vita davanti arriva Generazione mille euro (in uscita il prossimo 24 aprile in trecento sale italiane) che esplora l'universo precario dei neolaureati. Affetti dalla frustrazione causata dall'incertezza del futuro lavorativo, i protagonisti del film sono altrettanto intenzionati a trovare una possibile via d'uscita dalla sospensione d'animo. Tuttavia, il regista Massimo Venier non cerca di dare risposte o possibili soluzioni, piuttosto il tentativo (riuscito) è di raccontare con lucidità - e attraverso la commedia - il fragile stato in cui si trovano i giovani (e meno giovani) d'oggi.

La bella Carolina non vuole solo incantare ma stupirci con un sorriso.

5x1: quando la Crescentini fa ridere

5x1: quando la Crescentini fa ridere C arolina Crescentini non è il solito prodotto in serie della Mecca dei sogni. Bionda, occhi chiari, corpo da sballo, la si potrebbe interpretare come la solita bonazza ma lei ha scelto un'altra strada. Certo, gli esordi televisivi, la fiction e, oltretutto, la Notte prima degli esami oggi in compagnia di Brizzi e Vaporidis - un'accoppiata che rischia di diventare il ParentiBoldi dei prossimi lustri, accompagnandoci negli anni a venire con prodotti senz'anima pensati per far ridere chi al cinema di ci va una volta l'anno – non sembrano testimoniare in suo favore. La Crescentini, però, non vuole fermarsi al compitino ma vuole crescere, crescere ancora. Lo testimonia il coraggio con cui ha preso parte alla sit com di Sky Italia, Boris, in cui interpreta con autoironia la classica "bonazza" da fiction, tutta curve e pochissimo cervello e talento; oppure la voglia di entrare in un progetto come Generazione mille euro il quale, speriamo, non si fermerà a sfruttare un fenomeno ma cercherà di sollevare qualche riflessione.
Così Carolina continua a crescere e poco importa se è bella e magari qualcuno non la prende sul serio: il cinema è la Mecca dei sogni, tutto è possibile.

Il ritorno in Italia del regista Gabriele Muccino dopo tanti anni trascorsi in America.

A casa tutti bene, il teaser trailer del film di Muccino

martedì 12 dicembre 2017 - a cura della redazione da TRAILER

A casa tutti bene, il teaser trailer del film di Muccino La storia di una grande famiglia che si ritrova a festeggiare le Nozze d'Oro dei nonni sull'isola dove questi si sono trasferiti a vivere. Un'improvvisa mareggiata blocca l'arrivo dei traghetti e fa saltare il rientro previsto in serata costringendo tutti a restare bloccati sull'isola e a fare i conti con loro stessi, con il proprio passato, con gelosie mai sopite, inquietudini, tradimenti, paure e anche improvvisi e inaspettati colpi di fulmine. Il film segna il ritorno in Italia del regista Gabriele Muccino dopo tanti anni trascorsi in America. A casa tutti bene è interpretato da un grande cast: Stefano Accorsi, Carolina Crescentini, Elena Cucci, Tea Falco, Pierfrancesco Favino, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Sabrina Impacciatore, Gianfelice Imparato, Ivano Marescotti, Giulia Michelini, Sandra Milo, Giampaolo Morelli, Stefania Sandrelli, Valeria Solarino, Gianmarco Tognazzi.
Il film arriva al cinema il 14 febbraio distribuito da 01Distribution.

   

Marco Giallini, Elena Di Cioccio e James Senese sono i protagonisti di una puntata dedicata all'importanza di 'imparare bene'.

Splendor 51, l'importanza di un grande maestro

sabato 27 maggio 2017 - a cura della redazione da SPLENDOR

Splendor 51, l'importanza di un grande maestro Nella puntata numero 23 troviamo tra gli ospiti James Senese, Marco Giallini ed Elena Di Cioccio. James Senese, uno dei maggiori esponenti del Neapolitan Sound, ha parlato del suo ultimo album e degli inizi della sua carriera: "Con la mia band abbiamo aperto la strada ad una intera generazione di musicisti di Napoli. Uno dei primi è stato Pino Daniele. Come Napoli Centrale siamo nati nel 1974, nel '76 mi arriva una la telefonata di Pino e mi chiede di entrare a far parte della band ed inizia quindi cosi la sua carriera. Napoli Centrale è stata l'avanguardia della musica napoletana. A Napoli c'erano molti locali e night club dove venivano gli americani per via della Nato e proprio da li è iniziata la nostra gavetta - ha raccontato -. Musicalmente abbiamo attinto dalla cultura americana mescolandola con la tradizione della musica napoletana". Raccontando della sua infanzia Senese ha detto che a Napoli, e al sud in generale "c'è un sentimento molto forte di altruismo nei confronti degli altri, io ad esempio abitavo in un vico in cui eravamo tutti fratelli e sorelle, eravamo una vera tribù'. Il mio ultimo disco s'intitola 'O' sanghe' che è proprio espressione di questo sentimento". Tra gli attori italiani più conosciuti ed apprezzati in Italia, Marco Giallini è stato uno dei protagonisti di Perfetti Sconosciuti: "È stato un bellissimo film, rispetto al mio personaggio io sono peggio di così, scherzo...in realtà' sono un genitore che vive per i propri figli, non sono egocentrico, loro vengono prima di tutto.

Mio padre - ha raccontato - era appassionato di cinema, pur essendo per sua stessa ammissione un ignorante, era un operaio ed aveva una cieca fede politica, oggi forse ne avrebbe un po' meno". Lui, che per sua ammissione, è nella vita simile a come appare nei film: "sono uno che sul set non si distrae, sono sempre molto concentrato e non ho nessuna tecnica o particolare rituale prima di andare in scena. L'unico rituale che ho nella vita è quello di dare la buonanotte alle mie motociclette prima di andare a dormire".
Elena Di Cioccio, figlia d'arte. Attrice, conduttrice televisiva e radiofonica: "Ho fatto tante cose nella mia vita, sono molto creativa e ci ho messo del tempo per capire il mio percorso più giusto, sono poliedrica, mi rendo conto che è una strada più lunga ma alla fine è la gioia con cui fai le cose che ti porta i risultati. Questo me lo ha insegnato mio papà, mia mamma e il buddismo". Al suo primo ciak divideva il set con Giuliano Montaldo: "Ero insieme a Pier Francesco Favino, a Carolina Crescentini, a Francesco Scianna e proprio grazie a Giuliano ho avuto la possibilità di fare il mio primo film importante. Il modo in cui lui gira, come sta sul set è davvero unico". A suo dire è interessata sia al dramma che alla comicità: "Sono due registri che vanno a braccetto ed è impossibile separarli. Nei prossimi mesi andrò a New York, quest'anno sono rimasta un po' per i fatti miei, vado quindi in America a far prendere aria alla mia arte".

Ispirata al libro omonimo e al blog di successo TiAsmo, una commedia sulle infinite sfumature dell'Amore. Dal 30 marzo al cinema.

La verità, vi spiego, sull'amore, il trailer

giovedì 16 febbraio 2017 - a cura della redazione da TRAILER

La verità, vi spiego, sull'amore, il trailer La vita di Dora è finita sottosopra quando il compagno Davide l'ha lasciata dopo sette anni di relazione e due figli: Pietro di cinque anni e Anna, di uno. Sopraffatta dalla routine bambini/lavoro, Dora si rifiuta di elaborare il lutto sentimentale, finché non arriva il momento di raccontare la verità a Pietro, il quale crede ancora che il papà sia via solo per lavoro. Dora, spronata dall'amica Sara, trova finalmente la forza di reagire. Il primo passo sarà riappropriarsi del proprio tempo assumendo l'insolito babysitter Simone, poeta-bidello e nuovo fidanzato di Sara. La verità, vi spiego, sull'amore, diretto da Max Croci e interpretato da Ambra Angiolini, Massimo Poggio, Carolina Crescentini ed Edoardo Pesce, esce al cinema il 30 marzo distribuito da Notorious Pictures.

   

Ispirata al libro omonimo e al blog di successo TiAsmo, una commedia sulle infinite sfumature dell'Amore. Dal 30 marzo al cinema.

La verità, vi spiego, sull'amore, il trailer

giovedì 16 febbraio 2017 - a cura della redazione da TRAILER

La verità, vi spiego, sull'amore, il trailer La vita di Dora è finita sottosopra quando il compagno Davide l'ha lasciata dopo sette anni di relazione e due figli: Pietro di cinque anni e Anna, di uno. Sopraffatta dalla routine bambini/lavoro, Dora si rifiuta di elaborare il lutto sentimentale, finché non arriva il momento di raccontare la verità a Pietro, il quale crede ancora che il papà sia via solo per lavoro. Dora, spronata dall'amica Sara, trova finalmente la forza di reagire. Il primo passo sarà riappropriarsi del proprio tempo assumendo l'insolito babysitter Simone, poeta-bidello e nuovo fidanzato di Sara. La verità, vi spiego, sull'amore, diretto da Max Croci e interpretato da Ambra Angiolini, Massimo Poggio, Carolina Crescentini ed Edoardo Pesce, esce al cinema il 30 marzo distribuito da Notorious Pictures.

   

   
   
   


Letto Numero 6

Regia di Milena Cocozza. Genere Thriller, produzione Italia, 2019.
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità