Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 20 gennaio 2019

Rami Malek

Il bell'egiziano d'America

37 anni, 12 Maggio 1981 (Toro), Los Angeles (California - USA)
occhiello
Io voglio fare colpo tesoro!
dal film Bohemian Rhapsody (2018) Rami Malek è Freddie Mercury
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rami Malek
Golden Globes 2019
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film Bohemian Rhapsody di Bryan Singer

Golden Globes 2019
Premio miglior attore in un film drammatico per il film Bohemian Rhapsody di Bryan Singer

BAFTA 2019
Nomination miglior attore per il film Bohemian Rhapsody di Bryan Singer



Bohemian Rhapsody

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,99)
Un film di Bryan Singer. Con Rami Malek, Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joseph Mazzello.
continua»

Genere Biografico, - Gran Bretagna, USA 2018. Uscita 29/11/2018.

Papillon

* * - - -
(mymonetro: 2,42)
Un film di Michael Noer. Con Charlie Hunnam, Rami Malek, Tommy Flanagan, Eve Hewson, Roland Møller.
continua»

Genere Biografico, - Serbia, Montenegro, Malta 2017. Uscita 27/06/2018.

Notte al museo 3 - Il segreto del faraone

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,59)
Un film di Shawn Levy. Con Ben Stiller, Robin Williams, Owen Wilson, Steve Coogan, Ricky Gervais.
continua»

Genere Avventura, - USA, Gran Bretagna 2014. Uscita 28/01/2015.

Need for Speed

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,52)
Un film di Scott Waugh. Con Aaron Paul, Dominic Cooper, Imogen Poots, Kid Cudi, Rami Malek.
continua»

Genere Azione, - USA 2014. Uscita 13/03/2014.

Oldboy

* * - - -
(mymonetro: 2,20)
Un film di Spike Lee. Con Josh Brolin, Elizabeth Olsen, Sharlto Copley, Samuel L. Jackson, James Michael Imperioli.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2013. Uscita 05/12/2013. 14
Filmografia di Rami Malek »

lunedì 7 gennaio 2019 - Green Book è il film più premiato. Tra gli attori vincono Rami Malek e Christian Bale, e tra le attrici Glenn Close e Olivia Colman. Roma di Cuarón è il miglior film straniero e miglior regia.

Golden Globe 2019, doppio premio a Bohemian Rhapsody

Andrea Fornasiero cinemanews

Golden Globe 2019, doppio premio a Bohemian Rhapsody Numerosi i vincitori di una serata prevedibilmente dedicata alla rappresentazione delle minoranze. Su tutti trionfa Netflix, che ottiene quattro premi e mezzo (Bodyguard è una serie BBC che Netflix distribuisce in esclusiva fuori dal Regno Unito) e sfonda in categorie dove non si era mai avventurata: miglior serie comedy, miglior film straniero e miglior regia, grazie a The Kominsky Method di Chuck Lorre e soprattutto a Roma (guarda la video recensione) di Alfonso Cuarón. Tra i film quello con più premi è però stato Green Book di Peter Farrelly: miglior commedia, miglior non protagonista per Mahershala Ali e miglior sceneggiatura, firmata, tra gli altri, dal figlio reale del personaggio interpretato da Viggo Mortensen, che non ha vinto niente probabilmente per scontare un'uscita infelice di qualche mese fa, in cui gli è scappata "la parola che inizia per N". Possono ritenersi soddisfatti anche Bohemian Rhapsody (guarda la video recensione), che vince il premio più prestigioso, quello del miglior film drammatico, oltre a quello a Rami Malek come miglior protagonista in un dramma, e Spider-Man - Un nuovo universo (guarda la video recensione) che conquista il primo premio importante per la Sony Animations e a questo punto è un credibile candidato per sconfiggere la Disney agli Oscar. Si devono invece accontentare di un solo riconoscimento: La favorita con Olivia Colman miglior attrice in una commedia; Vice - L'uomo nell'ombra (guarda la video recensione) con Christian Bale, miglior attore in una commedia; A Star is Born (guarda la video recensione) per la miglior canzone, "Shallow", di Lady Gaga; Se la strada potesse parlare per Regina King migliore attrice non protagonista; First Man - Il primo uomo (guarda la video recensione) per la miglior colonna sonora firmata da Justin Hurwitz, già vincitore per La La Land (guarda la video recensione), e The Wife con Glenn Close miglior attrice drammatica, al suo primo Globe per un film dopo numerose nomination (e due vittorie per la serie Damages). A bocca asciutta invece BlackKklansman (guarda la video recensione) di Spike Lee, Black Panther (guarda la video recensione) di Ryan Coogler, Crazy & Rich e Il ritorno di Mary Poppins (guarda la video recensione): solo quattro titoli, che dimostrano come i premi siano stati spalmati su numerosi film senza assi pigliatutto.

giovedì 13 dicembre 2018 - L'arco interpretativo dell'attore segue la figura con aderenza e tempismo attraverso i passi della dolorosa ricerca di un'identità. Al cinema.

Bohemian Rhapsody, la danza musicale di Rami Malek

Leonardo Strano, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema cinemanews

Bohemian Rhapsody, la danza musicale di Rami Malek Il linguaggio del corpo decodifica i più profondi movimenti dell'animo. Quale migliore direzione tematica, quale miglior legge emotiva per un attore chiamato a interpretare un performer, anzi, uno dei migliori della storia? Forse è per questo che l'interpretazione di Rami Malek di Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody (guarda la video recensione) è tanto riuscita: perché al di là dello sforzo mimetico encomiabile, l'attore egiziano è stato in grado di raffigurare il segno visivo e il paesaggio mentale prodotto dai movimenti del cantante attraverso un uso del corpo e una gestione del fisico in relazione allo spazio circostante di grande rilievo ed effetto. Riproducendo con precisione le movenze leggendarie del front man dei Queen, formulando una serie di atti performativi più vivi di una copia carbone digitalizzata fuori tempo massimo e suggerendo con delicatezza sia la forza immortale del cantante sia una serie di funerei non detti sotterrati sotto l'enfasi e il coinvolgimento. L'interpretazione fa, fin da subito, i conti con il carattere del personaggio, con la natura particolare della personalità di Mercury. L'arco interpretativo dell'attore segue la figura con aderenza e tempismo attraverso i passi della dolorosa ricerca di un'identità dalla distruzione dei valori borghesi al progressivo allontanamento dagli affetti della famiglia; dall'esplosione del talento - amplificato e illuminato dalla controversa luce della diversità e dall'emarginazione - alla formazione di una famiglia costruita per scelta e per comunione artistica; dal terrore dell'abbandono al riscatto glorioso mosso dalla tensione per la vita.
Malek comprime la distensione di una vita gigantesca dentro una danza trattenuta in un corpo fragile e in questo modo comunica la tensione incontrollabile di un investimento emotivo centrifugo, libero e nato per connettersi con gli altri. Il tutto in un crescendo che oscilla tra vita privata ed esibizioni pubbliche, fino alla collisione dei due emisferi nel finale.
Gli ultimi venti minuti sono la cornice trionfale per la prova attoriale. La riproposizione cinematografica dell'atto creativo performato al Live Aid è un grande momento di cinema che si innalza proprio grazie a Malek, alla sua forza comunicativa. In pochi minuti, attraverso la visione dell'evento, risulta chiaro il potere di Mercury, la forza conoscitiva della sua visione periferica ed empatica, il suo richiamo attrattivo, derivato dall'emarginazione solitaria e dalla solitudine, quella solitudine esistenziale che è creatrice dei più sofferti e imponenti atti di amore. Mentre la vista segue il suono di pezzi leggendari, l'udito ascolta in fondo all'immagine i battiti sofferti di un cuore, le vibrazioni commosse della folla, i salti logici dell'emozione.
Il più grande evento musicale televisivo del secolo esplode grazie alla rivincita della vita sulla morte e grazie al coraggio di un cantante capace di sfondare il cielo con un pugno. Lasciando in eredità al mondo il proprio dolore e la propria speranza. Quella speranza che ricorda che la musica è condizione di vita, anche quando motivata dalla paura della morte.

   

giovedì 6 dicembre 2018 - Plurinominati Vice e La favorita. Nominato anche Robert Redford per la sua ultima interpretazione in Old Man & the Gun.

Golden Globe, tutte le nomination

a cura della redazione cinemanews

Golden Globe, tutte le nomination Sono state annunciate oggi le nomination della 76a edizione dei Golden Globe Awards. Uno dei premi più importanti per il settore di cinema e televisione, sono considerati gli anticipatori dei premi Oscar (che saranno consegnati invece il 25 febbraio 2019). Nella categoria Miglior Film Straniero è stato nominato Un affare di famiglia (guarda la video recensione) del regista giapponese Kore'eda Hirokazu, già premiato con la Palma d'oro a Cannes, oltre a Roma (guarda la video recensione), Opera senza autore (guarda la video recensione), Cafarnao e Girl (guarda la video recensione). Non ce l'ha fatta a entrare in questa cinquina l'italiano Dogman (guarda la video recensione) di Matteo Garrone. Tra i film che hanno ricevuto più nomination spicca Vice - L'uomo nell'ombra (6 nomination), La favorita e Green Book. Da notare A Star is Born (guarda la video recensione), per il quale è stata nominata anche Lady Gaga sia come attrice che come autrice della canzone "Shallow". Tra gli attori protagonisti è stato nominato anche Robert Redford per la sua ultima interpretazione (prima dell'abbandono del mondo del cinema in qualità di attore) nel film Old Man & the Gun (guarda la video recensione) di David Lowery (dal 20 dicembre nelle sale italiane).
I Golden Globe verranno consegnati durante la cerimonia di premiazione nella notte tra il 6 e il 7 gennaio 2019, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles. I presentatori della serata saranno Sandra Oh e Andy Samberg.

Altre news e collegamenti a Rami Malek »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità